video di periferia | it

"Les terra's di nadie" (“le terre di nessuno”, 5 lingue in un’unica frase) è un non luogo dove imperano violenza e oppressione. In un periodo ben definito, ma anche atemporale, la rappresentazione visiva si fonde con la poesia del cileno Antonio Arevalo, ripercorrendo l’11 settembre 1973, giorno del colpo di stato in Cile e il 31 marzo 1964, giorno del colpo di stato in Brasile. Immagini e brani lirici si susseguono, si accumulano, si accavallano. Più spesso si completano. La Storia si fa unica, un intero continente dialoga. Tutti gli uomini, di tutti tempi condividono la stessa esperienza. Un’opportunità per rivivere una delle pagine più oscure nella storia del nuovo mondo.

PLAY FORWARD > SOGNI E INCUBI_ una selezione di video sperimentali a cura di Bruno Di Marino 60° Festival Internazionale del Film di Locarno. Nella congiunzione tra cinema, video arte, e tutte le altre arti che affrontando il futuro, Play Forward è un avanposto privilegiato su tutti i generi di esperimento audiovisivo contemporaneo. Aperto a tutti i formati, durate, e tecnologie digitali, questa sezione, creata in collaborazione con Harald Szeeman, e in seguito Francesco Bonami, assembla lavori potenti e notevoli, a volte estremi nella forma e/o contenuto. (…) Gli incubi reali del passato riaffiorano in forma di poesia nel video Terra’s di nadie di César Meneghetti – videoartista brasiliano che da molti anni vive e lavora in Italia – dove i fantasmi del golpe brasiliano del 1964 e quello cileno del 1973 si sovrappongono mediante una rielaborazione di immagini di repertorio e una miscelazione di parole in cinque diverse lingue, creando una babele testuale e visiva (…).

Creative Commons License
Les Terra's di nadie by César Meneghetti is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Based on a work at ltdn.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://cesarmeneghetti.blogspot.com/.